Tre poesie d’amore decadente immaginario

Tre Poesie D’amore Decadente Immaginario-DisarMarco
 
Il fantasma dell’anno passato.
 
La scorsa notte
Nessun rasserenamento
Nessun lamento per lo spirito
Solamente l’abituale encomio alla tristezza
Nato dalla mia voce di decadenza
 
Leggevo i mali di un poeta maledetto
Per donne decedute ed anime dimenticate come te
E malgrado tu sia in vita nel corpo
Sei trascesa nella presenza
Sopra il manto del mio cielo offuscato
 
Come fantasma nella memoria del passato
Come mancanza nella cavità del mio stato
 
Come un’ombra , con dita sottili e movenze di fata
Nei lumi intorno alla mia sedia al centro della camera
 
Gli occhi della notte,
brillavano ancora:Servi,
nel silenzio delle promesse ormai dimenticate.
 
 
Le radici
 
Quando ti penso sento i sensi languire
Quando ti penso sento il vento fendere
Le mie lacrime,le mie paure
E quando mi rapivi accadeva la stessa cosa
 
Una porta si è chiusa,sigillata con radici
Cresciute all’ombra delle parole,e nascosta dai tuoi occhi
nel cuore,nell’anima
E nel tonfo del corpo caduto ancora
 
Potessi spezzarli e dimenticare chi eri
Potessi spezzarli e ritrovarti com’eri
In un sogno che fu solo mio,figlio della mente
Nato e morto dentro i miei vuoti ematici
 
Non eri nient’altro che una scatola nera
Ove i segreti riponevo nelle immagini di te
 
Ora sei caduta dal mio cielo al mio inferno
E le bugie,le speranze,i sogni,i versi..
Bruciano in eterno.
 
Sotto una pietra
 
Un respiro maligno esalò l’oscuro fato
E la pulizia del cielo si dipinse di nero
 
Quando fu il momento in cui
Le farfalle del bosco caddero nel mastice?
 
Lo scrissi in greco antico sulla mia pelle,il giorno,
sul colle della mia vita
Sotto una pietra,che fu il peso della mia vita
 
Come l’involucro d’un libro,ad occultare i significati
A tutto il cielo fuorché Venere
 
Oggi risollevo quella pietra dopo tre anni
E le malerbe e i vermi non hanno intaccato le linee per la memoria
E quel dolore ancora parla con la mia inconcludenza
 
Queste parole non erano fantasie
Né le falene erano semplici farfalle
Mentre il buio,il buio era il colore di ogni luce
Ed è il colore delle parole che permangono
Nel colle,sotto la pietra
per ricordare un giorno,
una consapevolezza,
la certezza di non avere..
 
 

Annunci
  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: